Una cameretta montessoriana

HOME SWEET HOME KIDS

cameretta-montessoriana

Una cameretta montessoriana

Il Metodo Educativo Montessori è nato più di 100 anni fa, eppure, soprattutto negli ultimi anni è tornato in auge e se ne sente parlare davvero tanto.

Ma esattamente, a cosa si fa riferimento quando si parla di Metodo Montessori?

Maria Montessori (medico, neuropsichiatra, antropologa e insegnante) porterà nella storia dell'educazione dell'infanzia un metodo del tutto innovativo rispetto al passato, così tanto rivoluzionario ed efficace, da imporsi nel tempo come esemplare e valido rispetto a tradizioni vetuste e sterili.

Ancora oggi il Metodo Montessori gode di grande fama e rispetto, perché dalla sua parte ha una grande forza: liberare i bambini dalle norme, puntando sullo sviluppo della curiosità e sul rispetto dei tempi di apprendimento di ogni singolo individuo.

metodo montessori

Fonte foto

 

Il ritorno in auge di questo rivoluzionario punto di vista, vede la nascita, soprattutto negli ultimi anni, di scuole a indirizzo montessoriano, di ludoteche ispirate alla celebre antropologa, non trascurando di contagiare lo spazio che più di ogni altro accoglie ed educa i nostri bambini: la casa.

È possibile progettare nella nostra casa uno spazio ispirato al Metodo Montessori che accolga il bambino stimolando ogni sua percezione lasciandolo crescere attivo e protagonista delle sue esperienze? La risposta è sì.

Basta seguire poche e semplice regole e... partire da loro! Dai bambini! Perché tutto sia a loro misura.

cameretta montessoriana

Fonte foto

Tutto a misura di bambino

Questa prima regola è basilare: gli spazi montessoriani devono favorire lo sviluppo dell'autonomia, per fare ciò sarà necessario che ogni attività possibile possa essere svolta dal bambino senza l'aiuto di un adulto. Una cameretta montessoriana implica dunque che tutto sia "piccolo", che il bambino non debba chiamare la mamma per raggiungere gli oggetti, per coricarsi, per rimettere in ordini i giochi.

La filosofia montessoriana non si limita a gestire gli spazi ma, come abbiamo visto, insegna ai piccoli a crescere in linea col proprio ritmo, preferendo seguire anche la loro ispirazione: per questo un letto montessoriano non ha sbarre, anzi, diventa una scatola priva di altezza che elimina ogni tipo di barriera affinché il bimbo possa sdraiarsi quando è stanco e alzarsi quando è pronto e riposato. Sfruttando la facilità di movimento grazie all'assenza di barriere e pericoli, un letto montessoriano stimola l'autonomia e spinge il bimbo ad autoregolarsi.

Fonte foto

Come possiamo realizzare una camera a misura di bambino?

Per una cameretta montessoriana, in commercio esistono mobili ispirati alla filosofia della Montessori, acquistabili presso ditte specializzate, ma non è escluso che un artigiano, un ebanista o un falegname, possa badare alla realizzazione di strutture su misura:

  • Piccoli letti, bassi, in cui il bimbo può alzarsi o coricarsi in perfetta autonomia
  • Piccole sedie e piccoli tavoli in cui la comodità non venga mai meno
  • Librerie basse, mensole installate a misura di manina
  • Armadi che preferiscano la larghezza all'altezza
cameretta montessoriana

Fonte foto

Minimalismo ed essenzialità

Nella ricerca dei giusti mobili della stanza in cui far crescere il proprio bambino è  importante rispettare un principio basilare: nel metodo montessoriano "less is more", ovvero vige il minimalismo. Solo oggetti necessari, solo mobilia essenziale, senza eccedere negli orpelli, perché il bambino non sia confuso dal superfluo ma focalizzi l'attenzione su quello che realmente può essere utile e funzionale. Peraltro: meno oggetti ci sono e più è facile imparare a rimettere a posto la propria cameretta!

Forme, colori e design montessoriano

Se tutto nella stanza di un bambino deve essere a sua misura, è giusto che il punto di vista coinvolga anche lo stile. Che colori sceglierebbe un bambino? Quali forme per la sua sediolina? Un bambino opterebbe per i colori! Una cameretta montessoriana predilige le tinte primarie, le tonalità accese, la semplicità delle forme, il richiamo agli elementi della natura. La ricerca del bello e della semplicità è alla base del design montessoriano: coltivando il gusto del bambino fin dagli esordi.

cameretta montessoriana

Fonte foto

L'importanza dei materiali

Una caratteristica essenziale del Metodo Educativo Montessoriano coinvolge la sensorialità: la crescita è una conquista esperienziale, fatta di prove, di esperimenti e...pasticci! Per sviluppare i sensi del piccolo, e far sì che la sua mente cataloghi secondo un principio di causa ed effetto le prime esperienze che farà nel suo piccolo mondo, è dunque consigliato che la stanzetta sia impreziosita con materiali diversi ed interessanti, alla sua portata. Tessuti dalle trame particolarmente elaborate, che al tatto stimolino l'attenzione, materiali di diversa durezza, dal morbido dei cuscini al rigido del legno.

Materiali molto interessanti, con cui il bambino potrà spingersi alla conoscenza di sé stesso, sono le superfici riflettenti: sì agli specchi nelle camerette montessoriane!

Lo specchio attira la curiosità per il suo scintillio e invoglia il bimbo ad osservarsi riflesso, scoprendo la forma delle sue emozioni e dei suoi lineamenti da un punto di vista perfetto: il proprio!

Fonte: habitissimo

Eleonora

Eleonora Musumeci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *